www.estbasketvr.com

PROMOZIONE: LA SALVEZZA PASSA DALL'ULTIMO TURNO DEI PLAYOUT

Promo spogliatoio a CereaCEREA-BASKET EST VERONESE 80-78
Parziali: 17-12, 42-29; 62-53
Tabellino: Bianchi 4, Ferrarese, Giuspoli M. 3, Maieron 6, Brandiele 15, Ferro 2, Ambrosi, Manfro 30, Saccomani 4, De Mori, Bevilacqua 12, Basso 2.All.: Antonio Federico. (tiri liberi: 25/44; tiri da 2: 19/38; tiri da 3: 5/19).
La prima squadra di Promozione manca d’un soffio la possibilità di allungare la serie alla “bella”. Cerea festeggia la salvezza che i biancorossi adesso dovranno conquistare nella decisiva sfida con il Bussolengo, a sua volta battuto 2-0 dal Cologna.
I ragazzi di Antonio Federico e Iacopo Tamellin dovranno ripartire dalla determinazione e dalla personalità messe in campo negli ultimi 15’ della partita, quando hanno rimontato dal -17 arrivando ad agganciare e anche al possesso per il sorpasso.
Promo vs gara2 CereaPartita controllata a lungo dai padroni di casa che rispondono subito al break soavese dal 7-3 al 7-10 con Brandiele e Manfro. Quattro triple consecutive a cavallo dei primo due quarti scavano la prima fuga ceretana fino al +13 all’intervallo con 6 centri pesanti. Il gap resta a lungo in doppia cifra e la squadra di Sauro tocca il massimo vantaggio sul 60-43. Un drive firmato da 5 punti di Manfro e 7 di Brandiele riaccende le speranze del BEst Basket con un break 2-10 e nell’ultimo quarto il margine si riduce fino al 62-58 con altri 5 punti di Max (nel giorno del suo 23° compleanno), Cerea replica per il 67-58, due triple di Maieron e due canestri di Brandiele completano la rimonta dei biancorossi che mancano due opportunità per sorpassare.
Il Basket Est Veronese non non subisce più dal perimetro (una sola tripla nella ripresa, nessuna nell’ultimo quarto), raccoglie ripetuti viaggi in lunetta con Bevilacqua, Bianchi e Manfro. Alla fine peseranno i 19 liberi sbagliati, tuttavia a 17” dalla sirena sul 78-74 un antisportivo con successivo tecnico porta all’espulsione di Tarocco, Manfro fa 2/2 poi Brandi firma l’aggancio sul 78-78 con 6” da giocare. Un incredibile fallo regala due liberi a Merlin per il nuovo vantaggio casalingo. Restano 3” sul cronometro, Antonio Federico chiama time-out e disegna lo schema per la rimessa in attacco: il lancio di Maieron serve l’alley-oop, ma la palla bacia ol vetro e poi esce. Peccato, però la reazione finale deve essere la ripartenza nella decisiva serie per conquistare la salvezza.

Share this post

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Avrò segnato undici volte canestri vincenti sulla sirena, e altre diciassette volte a meno di dieci secondi alla fine, ma nella mia carriera ho sbagliato più di 9.000 tiri. Ho perso quasi 300 partite. Per 36 volte i miei compagni si sono affidati a me per il tiro decisivo… e l’ho sbagliato. Ho fallito tante e tante e tante volte nella mia vita. Ed è per questo che alla fine ho vinto tutto.
(Michael Jordan)

PALLA BASKET

Visite agli articoli
1225795